L’Egitto chiude l’ennesima porta in faccia all’Italia sul caso Regeni. Pur ammettendo in maniera ufficiale di aver pedinato e indagato sul ricercatore di Fiumicello scomparso al Cairo il 25 gennaio e ritrovato cadavere il 3 febbraio del 2016. In una lunga nota il procuratore generale Hamada Al Sawi ieri è arrivato a criticare la condotta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ideo Gudeta uccisa da un dipendente “Mi doveva soldi”

prev
Articolo Successivo

Toti ci riprova: “Silenzio-assenso per tagliare i parchi”. La Consulta lo bocciò già a luglio

next