Il 7 gennaio e dopo una gragnuola di rinvii dovrebbe iniziare a Napoli il processo di secondo grado per la strage di Acqualonga (Avellino), i 40 morti intrappolati nel bus che il 28 luglio 2013 ruppe i freni e precipitò da un viadotto sfondando new jersey che non ressero all’urto perché i tirafondi erano marciti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Aspi, tentata truffa allo Stato da 18 milioni”

prev
Articolo Successivo

Guzzanti, il riformista e le sue parole dopo Travaglio a “Satyricon”

next