Uno dei più frequenti errori che su Beethoven si commettono è di considerarlo un compositore romantico, se non addirittura colui che aprì trionfalmente la strada al Romanticismo musicale. Torniamo a una vecchia questione: sono le arti allineate secondo il medesimo Zeitgeist (espressione di Goethe che si traduce “Spirito del Tempo”), ovvero esistono nel ductus stilistico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Cybersecurity, nessun dietrofront: verso un decreto per la fondazione

prev
Articolo Successivo

Dallo “schiavo negro” alla “donna nanak”: un’altra settimana di insulti razzisti o sessisti

next