Nel 2012 esisteva, secondo la Guardia di Finanza, un “flusso comunicativo” dal quale “emerge che indicazioni e/o decisioni su aspetti strategici” e organizzativi, “nonché sull’impiego di risorse e/o di spese a carico della Fondazione, sono pervenuti dagli uffici di Palazzo Vecchio”, quando Matteo Renzi era sindaco di Firenze. Il riferimento è all’embrione che dall’associazione “Noi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Boschi-Gruber: cari renziani, far domande non è sessismo

prev
Articolo Successivo

Feltri figlio, la Boldrini e come colpevolizzare una vittima di stupro

next