Le acque della tundra dell’Estremo nord erano diventate improvvisamente rosse. Era il 29 maggio scorso quando, a 300 chilometri dal Circolo polare artico, oltre 20mila tonnellate di combustibile si riversarono nei fiumi e laghi russi. Le immagini satellitari confermavano al mondo ciò che tentavano inutilmente di insabbiare i proprietari della Nornickel, colosso minerario primo produttore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Covid, i veri dati delle carceri e quegli scioperi della fame

prev
Articolo Successivo

Caso Djalali, Teheran mette in allerta il boia

next