Per chiudere in bellezza la trilogia Zerosettanta, Renato Zero pubblica il terzo e ultimo capitolo: una analisi delle sfumature misteriose di una “forza benevola” – come predilige chiamarla – applicata alle relazioni, alla società e, soprattutto, alla musica. Tredici inediti capitanati da Amara melodia, una dichiarazione di guerra – porgendo l’altra guancia – alla musica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Monaci, finocchi e lattai: dove nascono i modi di dire

prev
Articolo Successivo

Il sogno libertario esisteva. Ed era davanti a Rimini

next