Quel corpo a corpo con le forze dell’ordine in piazza Aranci, a Massa in Toscana, a luglio del 1988, mentre in Prefettura si riunivano Giorgio Ruffolo, Vito Lattanzio ed Enrico Ferri, allora ministri del governo De Mita, è un ricordo che resta vivo nell’immaginario collettivo apuano. Non solo perché quel giorno, all’indomani dell’incidente nell’impianto chimico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La guerra, poi gli accordi tra i boss: l’eterna faida della “Società foggiana”

prev
Articolo Successivo

Tra negazionisti e crisi, in Spagna aumenta il consenso dell’ultradestra di Vox

next