La data è già cerchiata in rosso: venerdì 27 novembre. Oppure lunedì 30. Non prima perché i dati, per passare da una zona rossa a arancione, devono migliorare per 15 giorni consecutivi. Ma nemmeno dopo ché poi arriva il Natale e “i nostri ristoratori e commercianti non possono stare chiusi per più di un mese”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Natangelo

prev
Articolo Successivo

L’uso politico del virus e il virus reale

next