Con l’espressione soddisfatta e arrogante tipica di chi è convinto che il forte sia autorizzato a umiliare il debole dopo averlo schiacciato senza pietà, il presidente azero Ilham Aliyev ha annunciato al mondo “la capitolazione dell’Armenia” nel sanguinoso conflitto in corso da un mese nel Nagorno Karabakh. Se è vero che la “tregua totale” firmata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Trump non si rassegna, Biden si consola grazie all’Obamacare

prev
Articolo Successivo

“Questa cintura farà poom!”. I jihadisti e i video del terrore

next