Dopo oltre sette anni di pontificato, il discernimento gesuitico di Francesco è scosso da fremiti rivoluzionari senza precedenti. Dapprima la clamorosa cacciata del cardinale Angelo Becciu, ex ministro dell’Interno vaticano, per l’affarismo finanziario e immobiliare coi soldi dei fedeli cattolici. Poi, ovviamente, le misericordiose parole di apertura sulle unioni gay. Il fronte della destra clericale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“È il virus della povertà Io, scrittrice d’amore, dico: vincerà l’odio”

prev
Articolo Successivo

Notizie cruciali. Bovini inquinanti, fotografe in erba, invasioni a Versailles…

next