“Attacchi preordinati”, atti di violenza “organizzati” che “nulla hanno a che fare con le forme di dissenso civile e con le legittime preoccupazioni degli imprenditori e dei lavoratori legate alla difficile situazione economica”. È questa la lettura del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, delle ore di guerriglia urbana di venerdì sera a Napoli. Al Viminale hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Destra, sinistra e regia camorrista. A Napoli esplode la prima bomba

prev
Articolo Successivo

Una Regione in cui mancano sedicimila camici bianchi

next