Quando sentirete parlare di Nicola Vicidomini sarà tardi. Non perché lui è “il più grande comico morente”, dunque già morto nel futuro prossimo. Sarà tardi perché era obbligatorio accorgersene prima, capire che nella selva dei comici gnè gnè, titolare di quella tristezza televisiva del sabato sera, Vicidomini, con la sua carica animalesca, il ronzio dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sono io il Padrino, Mario Puzo. Lui, Coppola e la leggenda

prev
Articolo Successivo

Festa del Cinema: tra Covid e assenze, è l’anno da “io speriamo che me la cavo”

next