L’organizzazione umanitaria Amnesty International è stata costretta a chiudere le attività nel subcontinente indiano e a licenziare tutto il personale dopo che il governo dell’India ha congelato i suoi conti bancari. Il premier Narendra Modi, che non ha mai fatto mistero della sua idiosincrasia per le associazioni e organizzazioni non governative che denunciano le violazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Esercito, i nazi “per sempre”. Via pure il capo degli 007

prev
Articolo Successivo

Il siluro di Biden su Trump: “Io pago sempre le tasse”

next