È il 23 settembre 2016 quando Susan Craig, giornalista investigativa del New York Times, trova un pacco nella sua cassetta della posta. “Una busta porta-documenti, con francobollo di New York, mittente The Trump Organisation. Ho sentito il cuore in gola”. Dentro c’è la dichiarazione dei redditi del 1995 di Donald Trump, che in quell’autunno 2016 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Indipendentismo. Interdetto Torra, la Catalogna tornerà a votare

prev
Articolo Successivo

“Billionaire no mask? Ma mica potevamo sparare alla gente…”

next