“Non si tratta, com’è ovvio, di superare la democrazia rappresentativa, ma precisamente di farla evolvere verso una ‘democrazia deliberativa’, in cui la cittadinanza occupi un ruolo più attivo e partecipativo non solo nei processi di promozione del consenso, ma anche in quelli di costruzione della decisione” (da Política e Democracia na era digital di João […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La resilienza salverà il mondo, lo dice anche il “Recovery plan”

prev
Articolo Successivo

Referendum “Sto col Sì per rispetto del Parlamento”. “Ma No ai populisti”

next