L’indagine della Procura di Roma su Armando Siri si allarga. Con un’accusa di corruzione che raddoppia. Era noto infatti che l’ideatore della Flat Tax fosse indagato per aver tentato di promuovere provvedimenti per favorire l’ex parlamentare forzista Paolo Arata in cambio della promessa di 30 mila euro. Accuse che il senatore leghista ha sempre respinto. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Ecco come ho spostato 400 mila euro a Lugano”

prev
Articolo Successivo

Emiliano e De Luca fanno il pieno degli impresentabili

next