Tra l’approvazione dello Statuto dei lavoratori e i moti di Reggio Calabria qualcuno in Italia denunciò l’editore di Nuda venne la straniera, libro porno-soft con copertina fucsia in cui una donna inginocchiata su una pelliccia di leopardo offriva al lettore la vista delle natiche e delle piante dei piedi. Correva l’anno 1970 e correva parecchio: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Contro i dirottatori del referendum

prev
Articolo Successivo

Addio al miglior Gesù della storia (e di Pasolini)

next