La giunta di Attilio Fontana sapeva che l’acquisto dell’immobile di Cormano da parte della Lombardia Film Commission era un’operazione molto sospetta già a maggio 2020. A luglio 2020, quel dubbio diventa certezza, tanto che il Collegio dei revisori dei Conti del Pirellone con voto unanime invita “l’Ente a valutare i profili di un’azione di responsabilità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Più Voci liquidata”, il conto della onlus che piaceva agli imprenditori

prev
Articolo Successivo

L’ indagine si allarga: ai pm segnalazioni da altre banche

next