Nell’inchiesta milanese sul caso Lombardia Film Commission e i presunti “fondi neri” della Lega, stanno arrivando in questi giorni in Procura diverse segnalazioni dal mondo bancario di operazioni sospette da parte di imprenditori con controparte o la Lega o società riconducibili ai contabili finiti ai domiciliari giovedì scorso. Gli stessi che ieri sono stati interrogati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I revisori di Fontana hanno chiesto a luglio di agire sul caso Lfc

prev
Articolo Successivo

“Contro Conte e Zingaretti i poteri forti, ma maldestri”

next