In aereo è più pericoloso il caffè di un’anziana seduta accanto Oggi salgo su un aereo dopo sette mesi che non ne prendevo uno. È un Milano-Roma, da Linate, dal gate provvisorio. Pochissimi posti a sedere al gate, quasi tutti con la scritta “vietato sedersi” per il rispetto del distanziamento sociale. Tutti in piedi, con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Il teste sul commercialista Scillieri: la società di Panama è “riferibile” a lui

prev
Articolo Successivo

Vittime e giustizia. L’Europa ci sarebbe anche per loro, ma in pochi lo sanno

next