Una nuova variante, l’ennesima, per ospitare a Susa un cantiere con materiali di scavo del tunnel di base del Tav. Una variante che, pur costituendo un “imprevisto e una novità” rispetto al programma, non sarà soggetta a una valutazione di impatto ambientale, perché Regione Piemonte e Telt si sarebbero accordati per non farla eseguire. È […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Salerno, l’operazione “sospetta” di De Luca da 70mila euro in più. La replica: “È un box”

prev
Articolo Successivo

La Serie A si vende ai fondi d’investimento. Ma per ora la “newco” è solo un annuncio

next