Dopo sei mesi di black-out a causa del Covid, in cui non ha potuto incontrare nessuno, né i suoi familiari né i suoi avvocati, il fondatore di WikiLeaks si è presentato ieri in aula a Londra, per l’inizio delle udienze cruciali del suo processo di estradizione negli Stati Uniti. Confinato in un box di vetro, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Delitto Kashoggi la sentenza “farsa” contro gli assassini

prev
Articolo Successivo

BoJo spariglia le carte e minaccia l’Ue

next