L’Italia avrà la fetta maggiore dei fondi del programma europeo detto “Sure”, sempre che la proposta della Commissione europea venga autorizzata dal Consiglio europeo (cioè i governi): si tratta di 27,4 miliardi su 81 totali deliberati dopo le richieste di 15 Stati europei (un terzo dell’intero stanziamento). Seguono Spagna (21,3 miliardi), Polonia (11,7 miliardi) e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La rete unica non si unifica: Tim e Enel ancora in guerra

prev
Articolo Successivo

One man show Trump, il palco è solo per lui

next