Un magistrato fuori ruolo è un istituto previsto dall’ordinamento. È una piccola “casta” che somma stipendi, accumula privilegi e promozioni per un lavoro non svolto. È un problema per l’ufficio di appartenenza, però è anche una risorsa preziosa per lo Stato. Per questo il governo ha deciso di impedire a chi sceglie il collocamento esterno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“È una riforma coraggiosa che stronca le spartizioni”

prev
Articolo Successivo

Picchiarsi un giorno a Roma (contro la noia)

next