Urla, bottigliate, bestemmie e tante botte. Spesso senza alcun motivo: uno sguardo “sbagliato” o un posto a sedere che doveva rimanere libero. Il ring è Trastevere. Una ventina sono i ragazzi “noti” alle forze dell’ordine, altrettanti girano intorno. In totale almeno tre o quattro “comitive” consolidate. Senza contare i tanti avventori occasionali. Si parla di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il comma per le toghe fuori ruolo

prev
Articolo Successivo

“126” poeti di quartiere: trap, droga e nichilismo

next