Dopo la Spazzacorrotti, la spazzacorrenti della magistratura. Oggi approda in Consiglio dei ministri la riforma del Csm del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Elezione dei togati con maggioritario a doppio turno, sorteggio se mancano candidati. Niente laici governativi, ci saranno le quote rosa. Obblighi e divieti dentro al Csm, per evitare le famigerate nomine a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Referendum e proporzionale: rischio sconfitta doppia per il Pd

prev
Articolo Successivo

Banchi, 14 aziende in gara. Più soldi per aule e docenti

next