Per le elezioni pugliesi è dovuto intervenire direttamente il consiglio dei ministri. Ieri sera ha varato un decreto legge per rimediare alla decisione del consiglio regionale della Puglia, che nei giorni scorsi aveva scelto di non introdurre nel suo sistema elettorale la doppia preferenza. Il principio è chiaro: non può esserci nessuna elezione senza che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La mascherina è roba per il popolo

prev
Articolo Successivo

Enpam, al bocconiano Dallocchio e all’ex dg chiesti danni erariali per 65 milioni di euro

next