Si faceva chiamare “dottore” o semplicemente “lui” il 77enne ritenuto a capo di una pericolosa “psico-setta” e indagato con altre 25 persone nell’inchiesta “Dioniso”. La psico-setta era operativa da circa 30 anni, con base nella provincia di Novara e diramazioni a Milano e nel pavese. Tra adepti e vittime ha avvicinato decine di persone, compiendo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Scuola, il bando c’è: occhi puntati sui costi dei banchi

prev
Articolo Successivo

“Detenuti torturati”, agenti verso il processo. Accuse ai superiori e al direttore del carcere di Torino

next