Tre miliardi e quattrocento milioni per chiudere il procedimento di revoca, 7 miliardi in maggiori manutenzioni e 13,2 miliardi di investimenti complessivi. Sì anche all’ingresso di nuovi investitori e al taglio delle tariffe. È questa l’offerta inviata ieri da Autostrade per l’Italia (Aspi) al governo, su input dei Benetton, i maggiori azionisti di Atlantia (la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sala vuole gabbie salariali. “Qui la vita è troppo cara”

prev
Articolo Successivo

La vita agra dei rampolli delle ’ndrine in Lombardia

next