Aldo Schiavone crede ancora all’idea di progresso. E la indica come un destino dell’umanità, una “freccia” che ancora si rivolge verso il futuro. Perché l’umanità, come il Covid ha dimostrato, può ancora conciliare la potenza della tecnica e il controllo della razionalità, politica e civile. Qui c’è lo snodo del libro. La crisi del concetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

A Venezia Cartier-Bresson si fa in cinque

prev
Articolo Successivo

Il ritorno di Ciccio, Detective baby di successo

next