La scrittura non si insegna di Vanni Santoni, edito da minimum fax, è un pamphlet “di incomparabile bellezza”. Ecco no, incipit da rifare. C’è un intero capitolo dedicato ai cliché e “di incomparabile bellezza” è tanto brutto da dover essere cestinato. Come altre espressioni abusatissime quali “si sentì gelare il sangue” o “era teso come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pansa, la profezia dell’Italia rotta

prev
Articolo Successivo

“Con 2020 SpeedBall il presente l’avevo ‘suonato’ 25 anni fa”

next