Comprare un giocatore costosissimo, avendo i soldi, è facile. Ma nel calcio la bravura vera è comprare a poco (o a zero, se cresci il giocatore in casa) e rivendere a tanto. È così che si fanno gli affari veri, le plusvalenze che ti cambiano la vita, quelle reali, non quelle farlocche buone solo per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Gassman sembrava Cortona de ‘Il sorpasso’. Però era un signore”

prev
Articolo Successivo

Pino Strabioli combatte (e scopre) “L’insonnia” in tv insieme a Costanzo

next