La famigerata didattica a distanza è ormai conclusa e, probabilmente, al ricevimento delle pagelle non sentiremo genitori perdere le staffe per una bocciatura o per voti non corrispondenti alle loro aspettative; eppure questo non significa che le cose siano andate lisce. La comunità educante ha espresso più volte frustrazione e stizza di fronte all’odissea della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Sotto le bombe in Iran. Il leone che assale papà e mamma senza trucco”

prev
Articolo Successivo

Albertone è stato un attore tragico straordinario (e molto altro ancora)

next