“Non dormivo la notte al pensiero delle morti che stavano avvenendo in Italia e solo per non dare ai pazienti una possibilità, quella dell’unica terapia attualmente disponibile contro il Covid-19: il plasma iperimmune”. Alessandro Santin, oncologo della Yale University (Usa) racconta al Fatto dei tentativi, a marzo, di sollecitare l’agenzia regolatoria del farmaco (Aifa), l’Istituto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Bergamo, morì la dirigente e saltò il sistema anti-Covid”

prev
Articolo Successivo

Milano, 380mila euro per misurare la febbre

next