Sciami di torte pubblicate sui social, gallerie di foto di tavole imbandite e aperitivi casalinghi: il cibo è stato il grande protagonista dell’era covid-19 e anzi — complice forse il peso di 14 pasti a settimana così come la nuova sensibilità ecologica — durante la quarantena lo spreco di cibo, di cui gli italiani erano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Medici non specializzati: da eroi anti-virus a untori senza lavoro

prev
Articolo Successivo

L’Italia pessimista sogna gli Anni 50: i politici trasformisti sono tutti vintage

next