Il denaro per contrastare il traffico di essere umani dalla Libia utilizzato per acquistare sigarette di contrabbando e persino confezioni di “Cialis” che viaggiavano a bordo delle navi della Marina militare italiana da Tripoli fino a Brindisi. Sono le accuse mosse nei confronti di quattro militari italiani e un ufficiale della Guardia costiera libica arrestati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

In Laguna non c’è solo il Mose “No all’inceneritore a Fusina”

prev
Articolo Successivo

C’è chi set e chi no: così si riparte in Europa

next