Il tentativo di Giuseppe Conte di accelerare sembra naufragato del tutto. Il premier aveva provato già domenica a imporre un Consiglio dei ministri non stop in notturna per dare l’ok al decreto “Rilancio” (già “decreto Maggio” e prima ancora “decreto Aprile”). L’impegno era di approvarlo ieri, ma, di nuovo, niente da fare. È probabile che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Cassa in deroga. Si tratta per togliere l’iter alle Regioni

prev
Articolo Successivo

Tirrenia, il governo ridà 73 milioni al debitore Onorato

next