Il sospetto era venuto già il 6 aprile scorso. Il giorno in cui il Consiglio dei ministri ha approvato il “decreto liquidità” che stanzia garanzie dello Stato fino a 200 miliardi di prestiti, il titolo Fiat Chrysler Automobiles era salito dell’8%in Borsa. Secondo rumors finanziari il colosso dell’auto controllato dalla Exor, la cassaforte degli Agnelli, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Arriva, si spera, il “redditino” di emergenza

prev
Articolo Successivo

“Facite ’a faccia feroce”: a Bonomi viene bene

next