“Prima i calciatori”. Così la Federcalcio spera, pretende, s’illude di far ripartire il campionato. In tempo per concludere una stagione che altrimenti lascerebbe una voragine nei conti dei club. Dunque subito sotto con gli allenamenti, magari in anticipo persino rispetto al 4 maggio. Il pallone italiano cerca una scorciatoia che però passa dalla pretesa di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il governatore Rossi censura il Tg2 per i servizi sulle Rsa

prev
Articolo Successivo

Sanità, gli “inutili accordi” delle Regioni col privato

next