Se non ci fosse stato il virus, la sua corsa sarebbe andata avanti più a lungo, perché Bernie Sanders faceva campagna non tanto per ottenere la nomination, ché forse non ci credeva più neppure lui, ma per portare avanti le sue idee e riuscire a piazzarne qualcuna nei programmi elettorali di un partito più attento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pandemia statalista il morbo e la cura

prev
Articolo Successivo

Da Moretti a Tom Cruise: non ci resta che aspettare

next