“Siamo in mezzo a un negoziato serrato, che si è fermato perché sulla proposta italiana e francese di un Recovery Fund, un Fondo per la rinascita, le soluzioni che ci venivano prospettate erano troppo timide e con una tempistica non immediata. Per noi il Fondo deve poter emettere bond. E poi alcuni Paesi ancora insistono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’ultimatum del premier: “Ai bond non rinunciamo”

prev
Articolo Successivo

Oggi la fiducia in Senato sul “Cura Italia”. Salvini e la Lega contro l’unità nazionale

next