Irreali sorrisi a volto scoperto si sono allargati su facce stupefatte, senza mascherine, qualche ora fa a Wuhan. Nella città focolaio del Corona è stato smantellato il labirinto giallo, quel serpente di barriere che sigillava un quartiere dall’altro e rendeva prigione un’intera città. I cittadini hanno aperto le porte delle case e sono usciti dai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La mossa dell’Onu: mettere al bando i mercati-macello

prev
Articolo Successivo

Epidemia, agli imprenditori erogata la “disoccupazione”

next