I quarant’anni da che Peppino De Filippo ci ha lasciato dovrebbero indurre a una nuova valutazione della sua figura. Egli è stato sempre da molta critica, anche per pregiudizio ideologico, tenuto in ombra dal fratello Eduardo, reputato autore e attore “filosofo”. L’autore, se si prescinde da certe farse anteguerra scritte per una compagnia delle quale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Pazzi, raccomandati da Dio, maniaci: vade retro grafomani

prev
Articolo Successivo

Recalcati, il maniglione antipanico di mamma Rai

next