Non si può certo dire che i dogmatici olandesi abbiano abbandonato il loro granitico principio che i debiti sono cattivi e ognuno se li paga a casa propria. Ma qualcosa si muove nell’opinione pubblica olandese. E soprattutto nel governo di Mark Rutte. L’uscita “ripugnante” – come l’ha definita il premier portoghese Antonio Costa –, del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Bruxelles prova a mediare, ma il Mes rimane in campo

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next