La più gravecrisi istituzionale di Israele, con uno scontro aperto tra presidente del Parlamento, deputati eletti e la Corte Suprema, è stata risolta ieri sera con una soluzione che lascia l’amaro in bocca a molti israeliani che avevano sperato in una svolta dopo vent’anni di Benjamin Netanyahu. Bibi, in breve, ce l’ha fatta ancora una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La privacy violata a tempo: cari saluti dal Patriot Act

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria

next