Il governo dell’emergenza è una brutta bestia per vari motivi. Per spiegarci useremo Luca Zaia, che è santo in senso flaubertiano o, come si dice a Roma, beato: “Sono convinto che in questo momento bisognerebbe sospendere le norme sulla privacy (…) Sulla tracciabilità abbiamo disponibilità anche da Israele”. Il presidente del Veneto dice a suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Astrolinda ci accompagna “Tra le stelle e un po’ più in là”

prev
Articolo Successivo

Knesset a Gantz e Bibi premier per diciotto mesi

next