Duro ma giusto, Gian Marco Tognazzi. “Ho finito con i sorrisetti, con le spiegazioni, con i ‘però’ e i ‘per come’: adesso chi non rispetta le regole non lo tollero. Anzi mi incazzo proprio e tanto. È una questione di civiltà, basta con i furbetti che escono”. Quindi? “Meglio se non continuo su questo discorso, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La quarantena dei lettori: la nonna va su Whatsapp e “Tex Wirrus”

prev
Articolo Successivo

Achtung Koronavirus. Chi protegge i Land diventa l’anti-Merkel

next