I Cream sono stati la “crema” del rock-blues inglese, uno dei gruppi di punta del British blues revival degli anni Sessanta. Una parabola artistica breve ma intensa, consumata nell’arco di tre anni, dall’estate del 1966, quando il supergruppo nacque, fino al novembre del 1968, quando si sciolse. Sono stati il primo power trio della storia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il lato oscuro di Morrissey non è la politica

prev
Articolo Successivo

Il calcio e il virus di un Paese in mutande

next