Due nomi, due scrittori che scalano le classifiche di vendita, due poli di potere – con, alle spalle, due gruppi editoriali e due grandi giornali, Corriere della Sera e Repubblica – e un terzo incomodo, un “esordiente attempato” come lui stesso s’è definito. Tutti uomini. Alla vigilia dell’annuncio della dozzina, il 12 marzo, la corsa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

il Lupo Agnelli e la Dea di Nottingham

prev
Articolo Successivo

Oggi schiave del telefonino, ieri traviate dai romanzi

next