Una trentina di frasi intercettate tradotte in modo sbagliato dalla procura. Quella che ci sarà al processo per l’omicidio Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso il 26 luglio scorso a Roma, si prospetta essere una battaglia, a colpi di intercettazioni, tra accusa e difesa. Gli imputati sono Lee Finnegan Elder e Gabriel Christian Natale Hjorth, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Boccassini era con chi depistò Mi attacca solo per assolversi”

prev
Articolo Successivo

Salario minimo, Catalfo rilancia i nove euro l’ora

next